Analogamente al problema mostrato in questo vecchio articolo ho riscontrato oggi, su una macchina di produzione, lo stesso identico errore..con la differenza che il sistema si pianta li e buonanotte. Facciamo un piccolo riassunto:

Una macchina di produzione e’ un computer sul quale è installato un sistema operativo standard, senza un kernel ricompilato e senza driver (laddove sia possibile) esterni al kernel stesso..per ovvi motivi. Non si tratta del nostro desktop personale, dove possiamo farci tutto quello che vogliamo, ma di uno strumento che ci consente di essere produttivi punto e basta.

Una volta scelto quale sistema operativo adottare bisogna necessariamente attenersi agli aggiornamenti proposti. Oggi mi e’ stato proposto un aggiornamento al kernel 2.6.22-15 (Ubuntu Gutsy 7.10) e al riavvio ho avuto nuovamente il suddetto problema. Mi sono documentato molto sull’argomento e a differenza del precedente articolo posso affermare con sicurezza che non si tratta di un problema legato al resume dell’immagine, come potrebbe suggerire l’output (quel messaggio lo rileviamo ogni qual volta avviamo il sistema). Si tratta di un vero e proprio blocco di boot. A volte accade che dopo qualche minuto il kernel si sveglia e continua a caricare il sistema normalmente, a volte invece no.

Spiego di seguito i passi da compiere per ripristinare questa situazione, anche se non sono tutti necessari, tenuto conto anche del fatto che l’hard-disk in questione e’ cifrato con cryptoloop:

  • 1- Avviare il kernel in modalità “recovery”, un init speciale sprovvisto di bootsplash e di alcuni servizi. Al prompt inseriamo la password di root (un utente che andrebbe sempre abilitato..Debian Docet)
  • 2- Modifichiamo l’uuid della partizione e rigeneriamo la ramdisk:
  • sudo nano /boot/grub/menu.lst

    Togliamo l’uuid (che verra’ rigenerato al successivo riavvio) e impostiamo il nodo del dispositivo:

    title Ubuntu 7.10, kernel 2.6.22-15
    root (hd0,0)
    kernel /boot/vmlinuz-2.6.22-15 root=/dev/sda1 ro quiet splash
    initrd /boot/initrd.img-2.6.22-15
    quiet

    Una variante altrettanto valida è quella di forzare il refresh dell’uuid con:

    sudo vol_id -u partizione

    Dove partizione, naturalmente, corrisponde alla partizione di installazione di Linux (dev/sda1 in questo caso)

    Aggiorniamo l’initramfs:

    sudo update-initramfs -u

  • 3- Leviamo dalla sessione lo splash (usplash) perchè con un hard-disk cifrato veremmo la nostra lucks-phrase in chiaro (bug?). Per fare ciò dobbiamo prima riavviare con un “reboot” e selezionare la normale sessione del kernel 2.6.22-15, aprendo un terminale una volta avuto accesso al desktop:
  • sudo update-rc.d -f usplash remove

    Ora possiamo tranquillamente inserire la nostra password al boot (senza lo splash tra le palle).
    Se non abbiamo un hard-disk cifrato possiamo saltare tranquillamente questo punto.

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

    Il tuo indirizzo ip:
    54.162.250.227

    Valutazione 3.00 su 5
    happy wheels 2 demo

    Category:

    Senza categoria

    Tags:

    , ,

    Commenti via Facebook:

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    *