Image Hosted by ImageShack.us

Ho ricevuto via mail da Matteo Zandi, questo howto (originariamente wiki, poi tradotto in html per compatibilita’ blog) dove viene spiegato in maniera semplice, sintetica e precisa l’installazione dei nuovi driver ATI versione 8.3.
Grazie a Matteo per il contributo e per i progetti da lui supportati..
😉

Installazione driver proprietari ATI 8.3

Guida alla installazione facile dei driver proprietari attraverso il terminale, passo a passo.

Questa guida è pensata per chi non si accontenta di utilizzare l’installer grafico ATI oppure Envy, ma vuole capire come si installano i driver proprietari nel sistema e in generale come funzionano i moduli restricted distribuititi da Ubuntu.

Scarichiamo l’ultima versione dell’installer dal sito AMD, nella sezione ‘Support e Drivers’, cliccate su ‘Get latest drivers’. Selezionando la propria scheda grafica apparirà una tabella che consente di scaricare
l’installer. Vi consiglio di utilizzare una cartella creata appositamente, per fare tutte le operazioni con il massimo dell’ordine. In alternativa, dal terminale basta fare:

cd ~
mkdir fglrx
cd fglrx

wget https://a248.e.akamai.net/f/674/9206/0/www2.ati.com/\
drivers/linux/ati-driver-installer-8-3-x86.x86_64.run --no-check-certificate

Installiamo i pacchetti necessari per l’aggiornamento dei driver:

sudo apt-get install build-essential dkms libstdc++5 dpkg-dev fakeroot debhelper

Ubuntu distribusce i driver Ati proprietari, ma non effettua aggiornamenti durante la vita di una release ma solo con l’uscita di una release successiva. Ad esempio Gutsy è uscita con fglrx versione 8.37 e il prossimo update del driver avverrà con il rilascio di Hardy. Per evitare che ci siano conflitti tra il driver distribuito da Ubuntu e quello installato da noi, disabilitiamo il driver distribuito da Ubuntu. E’ sufficiente modificare il file /etc/default/linux-restricted-modules-common e aggiungere fglrx ai DISABLED_MODULES.

gksudo gedit /etc/default/linux-restricted-modules-common

su Kubuntu:

kdesudo kate /etc/default/linux-restricted-modules-common

modificare da:

# …
# DISABLED_MODULES=”ath_hal fc fglrx ltm nv”
# …
DISABLED_MODULES=””

a:

# …
# DISABLED_MODULES=”ath_hal fc fglrx ltm nv”
# …
DISABLED_MODULES=”fglrx

Ora creiamo i pacchetti relativi al nuovo driver e al pannello di controllo Ati aggiornato (eventualmente sostituite gutsy con la vostra versione di Ubuntu)

sh ati-driver-installer-8-3-x86.x86_64.run --buildpkg Ubuntu/gutsy

Diamo una occhiata ai paccheti creati e installiamo solo quelli necessari:

ls

  • driver
  • sudo dpkg -i xorg-driver-fglrx_8.471-0ubuntu1_i386.deb

  • pannello di controllo ati
  • sudo dpkg -i fglrx-amdcccle_8.471-0ubuntu1_i386.deb

  • modulo del kernel per il driver
  • sudo dpkg -i fglrx-kernel-source_8.471-0ubuntu1_i386.deb

    Nota per i più smaliziati: il modulo del kernel (fglrx.ko) viene creato in automatico grazie al dkms, non è più necessario utilizzare module-assistant (oppure il comando make-kpkg) per la sua creazione.

    Riaggiorniamo l’elenco dei moduli (di norma non è necessario, ma a volte aiuta).

    sudo depmod -ae

    Verificate di aver il server grafico configurato per utilizzare il driver proprietario (in /etc/X11/xorg.conf, nella sezione ‘Device’ leggete ‘Driver‘ “fglrx“‘ anzichè ‘Driver‘ “ati“‘). Se non siete sicuri, potete dare un

    sudo aticonfig --initial

    L’installazione del nuovo driver è completata!

    Per caricare il driver, la via più semplice è quella di riavviare il computer.

    Se questa soluzione vi sembra molto tipica di un altro sistema operativo, sappiate che per caricare il nuovo driver è sufficiente riavviare il server grafico se:

  • 1- avete eliminato il driver fglrx fornito da Ubuntu nella directory volatile (sudo rm /lib/modules/$(uname -r)/volatile/fglrx.ko). Questo passo non è necessario per chi utilizza già driver fglrx installati autonomamente (potete verificare che, avendo disabilitato il fglrx distribuito da Ubuntu, non avete il file fglrx.ko nella directory volatile). Potete cancellare il file in tranquillità, dal momento che l’avete disabilitato, al prossimo riavvio non sarà ricreato in automatico.
  • 2-rimuovete l’attuale driver in uso (esempio: sudo rmmod fglrx) oppure passate da driver open source a quello proprietario (in questo caso fglrx non è caricato ).
  • Dopo aver salvato eventuali file aperti premete ctrl+alt+backspace.

    Una volta che avete riavviato il server grafico (tramite reboot o ctrl+alt+backspace), utilizzate il Catalyst control center per verificare che il driver aggiornato sia installato correttamente:

    img

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

    Il tuo indirizzo ip:
    54.224.164.166

    Valutazione 3.00 su 5
    happy wheels 2 demo

    Category:

    Senza categoria

    Tags:

    ,

    Commenti via Facebook:

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    *

    67 Comments

    • Divilinux ITALY Mozilla Firefox Ubuntu Linux 9 anni ago

      siamo ancora decisamente lontani da quel riconoscimento automatico presentato come feature di Gutsy (ricordate? un click e si abilitavano tutte le periferiche video…!!)

      Non ho mai sentito di questa feature. Nella Hardy 8.04 c’e’ il famoso BulletProofX, un tool che offre l’interfaccia di configurazione del caso di “failure” del server X (se e’ quello che intendi).
      Quanto alle configurazioni “extra”, come nel tuo caso, non e’ un problema strettamente legato ai driver ATI..quanto al fatto che non esiste (al momento) alcun tool in grado di gestire graficamente l’uscita video, digitale e non.
      E’ tutto lasciato ai vari “centri di controllo”, nvidia o ati (chi ha intel nemmeno quello) ma sono dell’idea che sia necessario un tool “made in ubuntu”.
      😉

        Quota

    • giorgio ITALY Mozilla Firefox Ubuntu Linux 9 anni ago

      La feature di Ubuntu Gutsy è il pacchetto “Schermi e grafica”, in Sistema/Amministrazione, presentato così negli annunci ufficiali di rilasci delle versioni alfa e beta

      “…sono state implementate:

      – Deskbar Applet per un accesso rapido alle azioni più frequenti
      – Cambio rapido di utente
      – Un tool grafico per la configurazione di X
      – Autoconfigurazione delle stampanti collegate
      – Il security framework”
      e nel rilascio ufficiale ” …- Configurazione dinamica dello schermo e tool grafico per i settaggi del server X”

      Il tool non funziona esattamente come indicato nella presentazione neanche con i driver Gutsy. Per quanto riguarda il tool grafico dei driver ATI proprietari (ATI Catalyst Contro Center), riesce a gestire le configurazioni extra (dopo che sono state definite da terminale), solo che non riesco a cambiare visualizzazione (schermo singolo, dual head e bigdesktop) evitando che il riavvio del server X comporti tornare al login. Riavviare il server è normale con ogni sistema operativo, ma con MAC OS X o Windows il riavvio avviene senza interrompere la sessione e, quindi, senza perdere dati o file su cui si stava lavorando

        Quota

    • Divilinux ITALY Mozilla Firefox Linux 9 anni ago

      – Un tool grafico per la configurazione di X

      E’ quello che dicevo io, ma e’ slittato alla Hardy
      😉

      https://wiki.ubuntu.com/BulletProofX

      – Configurazione dinamica dello schermo

      Non la sapevo..in piu’ ho Kubuntu, e questa configurazione grafica non e’ proprio presente

        Quota

    • giorgio ITALY Mozilla Firefox Ubuntu Linux 9 anni ago

      Divilinux, grazie della segnalazione. E’ interessante, come pure interessanti le prestazioni attese da Xorg 7.3 (link presente nella pagina di BulletProof): tra “whitelist” di driver e schede con riconoscimento automatico e riconfigurazione “on-the-fly” delle uscite video sembra mi fa pensare alla possibilità di cambiare visualizzazione senza dover rifare il login. A dire il vero quest’ultima prestazione la attribuisce a randr 1.2, versione che io ho già attiva ma, ugualmente, se collego un secondo monitor devo riavviare x server.
      Mi viene un dubbio: tu nel tuo articolo che mi avevi postato ricorrevi a “mode2” per definire la risoluzione del secondo monitor, inserendola quindi in modo persistente in xorg.conf. Con queste impostazioni potevi per caso collegare e scollegare i monitor senza riavviare xserver? se riesco ad allontanare la figlia dalla TV ci provo: imposto mode2 a 1024×768 (la TV è un 4/3, spero regga la definizione) ed il monitor del notebook presenta già una definizione alternativa di 1280/768 per cui dovrei avere una buona resa …

        Quota

    • Divilinux ITALY Mozilla Firefox Ubuntu Linux 9 anni ago

      @giorgio
      si..senza scollegare il monitor.

      Attualmente su gnome uso questi due script

      #!/bin/bash
      aticonfig --effective=now --enable-monitor=tmds1 --resolution=Screen0,1600x1200
      xrandr -s 0
      gnome-display-properties

      ..e il ritorno:

      #!/bin/bash
      aticonfig --effective=now --enable-monitor=lvds --resolution=0#,1440x1050 
      xrandr -s 1
      gnome-display-properties

      non e’ lo stesso notebook e lo stesso ambiente desktop dell’altro howto..ma questi script sono facilmente modificabili a piacimento

        Quota

    • giorgio ITALY Mozilla Firefox Ubuntu Linux 9 anni ago

      Ciao Divilinux, grazie dei “tips” ma ormai sono decisamente frustrato: le ho provate un po’ tutte, ottenendo risultati sempre diversi e comunque sconcertanti rispetto all’atteso. Andando con ordine:

      1) già dai driver ATI di ottobre era meglio che non agissi direttamente su xorg.conf ma tramite il tool grafico del Control Center o con comando aticonfig. Se compilavo direttamente xorg.conf il server andava facilmente in crash, anche mettendo parametri che reputo corretti (tipo la risoluzione del monitor o l’attivazione di altri monitor con “force”). Credo (ma non perché sia riuscito a “decifrare” le righe di file) che configurando xorg da terminale o con il tool vengano riportati i parametri anche in qualche altro file (tipo amdpcsdb in /etc/ati/) per cui, se si scrive direttamente in xorg, si possono creare conflitti tra i parametri.

      2) penso che xrandr non funzioni correttamente con i driver fglrx, o almeno non tutti i comandi. Sicuramente xrandr –auto e altri di configurazione output non funzionano (in realtà mi sembra funzionare solo xrandr -q). Forse questo è anche un bene: avendo funzionalità simili a aticonfig si creerebbero istanze concorrenti con possibili conflitti

      3) data la mia configurazione che ti avevo postato (che sostanzialmente era: bigdesktop abilitato con –desktop-setup=horizontal; –force-monitor=lvds,tv; –enable-monitor=lvds,auto) mi trovavo fisso un pairmode 1440×900+1440×900 che portava tutti i player su una risoluzione 2880×900. Eliminando il pairmode non succedeva nulla: riavvio di xserver e ricomparsa del pairmode. Cancellando force-monitor da xorg non cambiava nulla: riavvio, in xorg ovviamente non c’è la opzione ma facendo –query-monitor mi ritrovavo connesso e attivo sia lvds sia tv. Stessa cosa impostando –force-monitor=lvds,notv

      4) impostando –force-monitor=lvds (il notebook non è al momento fisicamente collegato a nessun altro monitor esterno) il pairmode restava correttamente a 1440×900+0+0 …ma i player crashavano!!!

      5) resettando completamente le configurazioni con –initial -f (quindi per singolo monitor) i player funzionano, ma solo con visualizzazione full screen se Compiz è attivo (come con i precedenti driver fino all’8.1)

      6) alla fine, giusto per provare un po’ tutto, ho configurato con dual head e secondo schermo sopra (soluzione che, se applicata, non mi servirebbe veramente a nulla: a me interessa occasionalmente un big desktop orizzontale). Non ci crederai, ma lvds non ha mai funzionato così bene: risoluzione ok, ti scrivo con Compiz attivo e in un’area di lavoro attivi (non full screen) totem e kaffeine (DVB-T), in un’altra area di lavoro Mythtv con un DVD. Sia i 3 video (il cui effetto puoi immaginare essere piuttosto pesante anche sulla scheda grafica, già impegnata da Compiz) sia i 3 audio sono perfetti (anche con l’audio avevo rilevato dei problemi di utilizzo della risorsa se più applicazioni multimediali la richiedevano contamporaneamente).

      Insomma, sono contento perché sono tornato al punto di partenza con un po’ di qualità in più nell’utilizzo delle risorse, ma scornato perché non mi aspettavo questo risultato dal comando dato! …in più occasioni sono stato vicino ad ottenere il risultato voluto (mi riferisco al workaround iniziale), ma non ho capito cosa ha creato instabilità ed ora sono piuttosto restio a collegare il PC ad altri monitor …ma tanto già lo so che lo farò presto

      …Divilinux, tra i tuoi 57 PC non è per caso che hai anche un Sony Vaio VGn-A517M?! …scherzo, e grazie ancora!

        Quota

    • giorgio ITALY Mozilla Firefox Ubuntu Linux 9 anni ago

      Ciao Divilinux, ultimo aggiornamento visto che mi hai gentilmente “seguito” fino a qui. Ho configurato dual head con opzione “right”, abilitato lvds e tv (intendo proprio –enable -monitor) con un buon risultato: con il dual head posso avere due risoluzioni diverse, e non un ibrido come con big desktop e pairmode. Non avendo il pairmode non ho problemi con i video player su monitor singolo e, sulla mia configurazione, il video playback funziona anche sul secondo monitor malgrado le indicazioni ATI fossero negative al riguardo.
      L’unico problema è che per attivare il doppio monitor, visto che con il portatile non ho la tv sempre collegata al PC, devo sempre lanciare –enable-monitor. Diversamente lo vede connesso ma non lo abilita in automatico. In pratica devo collegare la tv e riavviare il server ritornando al login: non riesco ad avere un “hotplug” (non so neanche se si possa avere). Ovviamente Compiz deve essere disabilitato per collegare anche la tv (credo per limiti del televisore, dovrei provare con un secondo monitor o una tv lcd).
      Grazie tante del supporto

      PS: ricordi che ti chiedevo del “suspend” con fglrx? la funzionalità dovrebbe essere attivabile con il kernel 2.6.24 di Hardy. Ebbene, configurando Mythtv mi sono ritrovato anche l’ambiente Xubuntu, sempre il mio kernel 2.6.22, e in quell’ambiente il suspend funziona!

        Quota

    • Divilinux ITALY Mozilla Firefox Linux 9 anni ago

      @giorgio
      Il problema di compiz con i driver fglrx sui video a schermo ridotto purtroppo persiste.
      Il suspend e l’ibernazione vanno e vengono ciclicamente di kernel in kernel..se hai trovato l’assetto giusto non fartelo scappare
      🙂
      Personalmente avevo trovato entrambi funzionanti anche con il 2.6.23.2..poi il vuoto. Il 2.6.24 promette faville, e attualmente e’ quello che uso proprio perche’ il suspend e il resume (acpi) funzionano perfettamente (scheda video nvidia)..gia’ dal 2.6.24.2 si ripiomba nell’oscurita’

        Quota

    • Daniele ITALY Mozilla Firefox Linux 9 anni ago

      Ciao Divi! Innanzitutto complimenti per il blog, pieno di tricks utili e curiosità 🙂
      Ho seguito la procedura per installare i Catalyst 8.4 su Kubuntu Hardy final (ho un notebook HP con ati x1600), ma purtroppo al logoff (sia quando spengo, riavvio o sospendo) resta una schermata nera e non posso fare altro che cliccare qualche volta CTR-+ALT+BACKSPACE per far concludere il processo…sembra essere un problema diffuso, ma finora non ho trovato soluzioni utili: come consigliato su wiki.cchtml.com ho anche provato a disabilitare atieventsd con sudo /usr/sbin/update-rc.d -f atieventsd remove, ma non ho risolto nulla. Abilitando i messaggi del kernel al logout riesco a leggere qualcosa simile a “libhal shutdown fail”…qualche idea?!?

        Quota

    • Divilinux ITALY Mozilla Firefox Linux 9 anni ago

      @Daniele
      Ciao
      Per il log..quell’errore su HAL mi sa tanto di network manager (e’ solito produrre quell’output alla chiusura) ma bisognerebbe vederlo..
      Il shutdown: e’ un problema diffusissimo tra chi possiede schede ati+fglrx..da non confondere con altri problemi che riguardano la sessione ..e per i quali bisogna sistemare il file che da’ i permessi di halt-reboot all’utente.

      Soluzioni non ne conosco, ma se fossi in te cambierei subito versione dei drivers e versione del kernel..
      Fino a qualche mese fa la x1600 l’avevo anche io, non mi ha mai dato di questi problemi.

        Quota

    • Daniele ITALY Mozilla Firefox Ubuntu Linux 9 anni ago

      Alla fine ce l’ho fatta! Su ubuntuforums ho trovato la soluzione:
      sudo invoke-rc.d atieventsd stop
      sudo update-rc.d -f atieventsd remove

      Ora termina correttamente la sessione 😉

        Quota

    • qualcuno ha qualche dritta su come compilarle gli ultimi fglrx su kernel 2.6.25 ?

        Quota

    • A distanza di tempo, continuo a consultare questa guida per il comando dkms (ho fatto l’update del kernel e xorg si pianta perchè manca fglrx)

        Quota

    • Divilinux ITALY Mozilla Linux 9 anni ago

      @MatteoZandi
      Tra le distribuzioni che conosco, quella piu’ “impestata” rimane purtroppo Ubuntu
      🙂

        Quota

    • Eccomi di nuovo, aggiorno alla -18 e son di nuovo qui, la prossima guida la facciamo su w3m? 🙂

        Quota

    • Divilinux ITALY Mozilla Firefox Linux 9 anni ago

      @MatteoZandi
      Come ben sai..sono sempre disponibile
      🙂

        Quota

    Pings

    1. Indaffarato « Paso’s BloG UNITED STATES WordPress 29 giugno 2008