Il Lost Blog, che grazie a voi ormai non e’ piu’ tanto “lost“, sin dalla sua apertura ha sempre appoggiato iniziative o appelli che riguardano GNU/Linux e anche il buon senso.
Oggi vorrei dare voce a Marco Cimmino, un utente Kubuntu che come tanti di noi si e’ posto la seguente domanda:

Cosa manca ancora a Kubuntu affinche’ l’utente non debba piu’ mettere mano ad un terminale?

Inutile nasconderlo, visto che Ubuntu e’ stato maggiormente beneficiato di alcune GUI non presenti di default sulla gemella “diversa” dai toni blu e con uno “spiKKato” accento rotelloso.
Da qui la necessita’ di informare gli utenti tramite un wiki che possiamo trovare a questo indirizzo, e che racchiude grossomodo una cernita di programmi e di interfacce per le quali gli sviluppatori dovrebbero prestare piu’ attenzione.
Tutte queste “dimenticanze” sono facilmente rimpiazzabili con appositi programmi da installare in un secondo momento, come la GUI per Grub o il front-end per convertire un pacchetto .RPM con Alien. Ecco il manifesto:

Marco Cimmino

Il mio manifesto è semplice, credo che ci sia bisogno di avvicinare la
gente a Linux, perché questo? Perché più siamo più forse ci considerano
e svilupperanno driver e programmi per il pinguino.
Ora se vogliamo più gente non possiamo aspettarci che questi per fare le
operazioni di base aprano una console e digitino strane cose, si
aspettano che il minimo indispensabile sia fattibile tutto via GUI.
Purtroppo questo non è ancora possibile al 100% sotto Kubuntu Gutsy e da
qui è nata la mia idea di creare una pagina che contiene tutte quelle
operazioni che non si possono fare in Kubuntu.

Alcune sono delle vere chicche, tipo le mancanze di GDebi o quelle di
KNetworkManager.
So che molte persone amanti della console storgerebbero il naso, ma di
fatto nessuno vuole eliminare la console, solo dare delle valide
alternative per chi non ha voglia di digitare e/o ricordarsi lunghi comandi.

Il motto e’: “Più GUI per tutti!”

Se condividiamo questo pensiero quindi, perche’ non aiutarlo nell’iniziativa?..Grazie a tutti per l’attenzione.
😉

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Il tuo indirizzo ip:
3.234.214.113

Valutazione 3.00 su 5
happy wheels 2 demo

Category:

Senza categoria

Tags:

Commenti via Facebook:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

44 Comments

  • masand UNITED STATES 12 anni ago

    Mi piace l’iniziativa,
    ma bisogna ammettere che se le GUI non sono fatte più che bene, per una wiki comprensiva e accessibile, non c’è niente di meglio che due stringhe da copiare e incollare nella shell…

    Il tutto ovviamente IMHO.

    Un saluto a tutti…
    masand

      Quota

  • Marco Cimmino ITALY 12 anni ago

    Il problema e’ che delle volte non basta fare quello che dici, ma anche modificare file di configurazione, cambiare dei valori, salvare ecc.
    Contando che se sbagli che so a modificare il file xorg.conf di una virgola di troppo (e’ solo un esempio) non parte piu’ il server grafico.

    Mi sembra un po’ troppo da chiedere ad un niubbo.

    Sta tutto nell’immedesimarsi nell’utente medio e capire che gia’ fa fatica con la gui figuriamoci con la console e editor vari.

      Quota

  • @masand
    ciao..
    Ci ho messo un po’ anche io a capire, ma non si tratta di un wiki che vuole sostituire quelli tradizionali con i comandi per il terminale (come in un topic recente di ubuntu-it)..bensi’ si tratta di un wiki che spiega cosa, purtroppo, si deve ancora fare via terminale con Kubuntu..
    😉

    ps. era solo una precisazione

      Quota

  • masand UNITED STATES 12 anni ago

    @ divilinu

    ah ok… infatti subito dopo aver scritto il post sono andato a vedere la “wiki” e lì ho capito il vero senso della pagina…

    Avevo decisamente capito male.

    La cosa che mi ha sempre sconcertato di *buntu è il modo in cui si configura una connessione DSL. Per carità, niente di trascendentale ad aprire il terminale e scrivere “sudo pppoeconfig”, il problema è che NON È SCRITTO O INDICATO da NESSUNA PARTE!!!

    Questa è una di quelle cose in cui non ci vorrebbe niente fare una GUI, eppure è da quando uso *buntu che è così…

    Un saluto a tutti…
    masand

      Quota

  • @masand
    ci sono diverse GUI per gli eciadsl, alcune purtroppo non per Ubuntu..e non di default su Kubuntu.
    L’unica distribuzione , tra quelle che ho provato, con i driver e con delle utility per modem adsl o isdn e’ la Knoppix

      Quota

  • Per alien esiste già un service-menu…al più poterbbero integrarlo di default nell’interfaccia di konqueror(o dolphin)Il problema lì è che non si dovrebbe dare la possibilità a un niubbo di installare pacchetti a partire da rmp visto che questo potrebbe compromettere il sistema IMHO

      Quota

  • Io concordo con Marco in quanto sono stato instradato proprio da lui sulla strada di Linux e di Kubuntu ed ero e sono ancora un utente di quelli che non sanno fare spesso operazioni di base tramite “una console e digitare strane cose”. Dunque ben venga una facilitazione di certe operazioni

      Quota

  • masand UNITED STATES 12 anni ago

    @ divilinu,
    non mi sono spiegato, io mi riferivo ad una interfaccia grafica a pppoeconf per modem anche ethernet…

    Non solo usb…

    Un saluto a tutti…
    masand

      Quota

  • @masand
    vero..manca un interfaccia a pppoeconf, ma se usi pppoeconf con un router significa che lo stai utilizzando via USB e non ethernet…altrimenti mica serve pppoeconf..
    😉

      Quota

  • PhoenixBF ITALY 12 anni ago

    Una questione spinosa, che gia’ avevamo trattato su un forum…

    La differenza con la “sorella maggiore” Ubuntu e’ a dir poco imbarazzante.

    Quello di cui ha bisogno Kubuntu e’:

    *MAGGIORE CURA*

    Ai livelli di Ubuntu, per intenderci, e soprattutto prendere a schaffi letteralmente alcuni sviluppatori di compiz fusion che ANCORA IMPERTERRITI continuano a far dipendere diversi pacchetti principalmente da Gnome, la fusione con Beryl a cosa e’ servita? Quando Beryl era un progetto a parte, non c’erano dipendenze con gnome e funzionava parecchio meglio.
    KDE cosa e’, un DE di serie B? Non mi pare.

    Bachi e bachetti poi sparsi qua e la’ (con la 7.10 per fortuna alcune cose sono migliorate).

    Benvengano le GUI per facilitare le cose, ma prima di questo, ci vuole MAGGIORE CURA.

      Quota

  • @PhoenixBF
    consoliamoci col fatto che, migliorie mancanti a parte, Kubuntu va molto meglio di Ubuntu..sopratutto della 7.10 che ha un sacco di problemi

      Quota

  • masand UNITED STATES 12 anni ago

    @ divilinu
    io ho un modem ADLS collegato ethernet e per configurarlo uso pppoeconf… Ho sempre fatto così (è scritto anche nelle guide). Esiste un altro modo?

    @ PhoenixBF
    consoliamoci con il fatto che la prossima major release di KDE non avrà bisogno di compositor esterni dato che ne avrà uno tutto suo integrato!!! 🙂

    Un saluto a tutti…
    masand

      Quota

  • @masand
    non capisco..probabilmente abbiamo due apparecchi diversi..
    Ne ho appena provato uno usb-ethernet-wireless..dove sia con eth che con wlan non c’e’ bisogno di pppoeconf..
    Utilizzi pppoeconf quando lo connetti via USB al computer.
    Oppure perche’ usi pppoE nel router, mentre normalmente ci va pppoA

      Quota

  • masand UNITED STATES 12 anni ago

    @ divilinu,
    no… ADLS pppoe…

    Ho sempre seguito questa guida:
    http://wiki.ubuntu-it.org/Hardware/Modem/ADSLPPPoE?highlight=%28adsl%29

    Un saluto a tutti…
    masand

      Quota

  • @masand
    e’ spiegato meglio qua

    https://help.ubuntu.com/community/ADSLPPPoE

    pppoeconf serve per i modem dsl che necessitano di una connessione diretta alla rete, e che abbiano l’incapsulamento pppoe
    Il mio router incorpora anche un modem adsl (netgear) e utilizza l’incapsulamento over ATM (pppoa)

      Quota

  • Lex79 ITALY 12 anni ago

    Dipende dalla connessione che si ha. Alcune utilizzano PPPoA e alcune PPPoE.
    PPPoA è piu’ efficiente ma non supportato da tutte le connessioni, PPPoE invece è quello piu’ diffuso.
    E di solito con un collegamento ethernet non c’è bisogno di pppoeconf.
    C’è un articolone su linux magazine di novembre.
    Ciao !

      Quota

  • Masand ITALY 12 anni ago

    @ divilinu

    Ma è la stessa guida che ho postato io… Solo che la mia è in italiano…

    Sta di fatto che all’inizio di tutto, quello che volevo dire è che ero/sono d’accordo con quanto scritto da Marco Cimmino, anche perché nella sua “wiki” ha scritto che manca appunto un’interfaccia grafica a pppoeconf…

    P.S. Ma che intendete con collegamento Ethernet… io intendo che il mio modem è collegato direttamente alla linea ADSL e il modem è collegato al computer tramite porta ethernet… Per collegarmi devo configurare l’accesso specificando User ID e Password…

    Non ci trovo nulla di strano…

    Un saluto a tutti…
    masand

      Quota

  • @Masand
    si lo so..stavamo divagando un po’ offtopic
    @Lex79
    Domani lo compro..

      Quota

  • E’ vero quello che dite Voi..di immedesimarsi nell’utente medio per capire le difficoltà che incontra ma è pur vero che il bello di Linux è OpenSource è modificare i file come vuoi tu. E credo che questo concetto a forza di GUI vada dimenticandosi…quindi meglio una GUI di meno e un comando da shell di più 🙂

    ByeZ

      Quota

  • Lex79 ITALY 12 anni ago

    Secondo me entrando in topic dato che prima ero off-topic 🙂 sarebbe utile avere una UNICA GUI che ti permetta di configurare le cose che ora non sono configurabili tramite GUI e che vanno per la maggiore…come per esempio grub, xorg.conf o la rete e via di seguito. Così se un utente vuole proprio questa GUI installa il pacchetto se no si tiene kubuntu così com’è…invece di fare mille GUI una per ogni cosa che configura.
    Altra strada potrebbe essere quella di implementare certe configurazioni in kcontrol o systemsettings per esempio, così che decido se utilizzarle o no, e questa idea mi piacerebbe…
    Ma l’idea di ritrovarmi installato di default una interfaccia per ogni cosa non mi piace….

      Quota

  • @masand: dipende dal modem/router, con il router ADSL Pirelli w2+ (Vela) che Telecom ti da con la 20 Mega per esempio serve pppoeconf (come fosse un modem) perche’ il firmware blocca alcune funzionalita’. Ma se Telecom aggiorna il firmware (per esempio) per usare la Alice Home TV, “magicamente” pppoeconf non serve piu’, basta un cavo ethernet o l’autenticazione alla wireless con la chiave esatta e sei online, senza nick e password.

    Ciao 🙂

      Quota

  • @Gianmario
    il firmware del router lo aggiorni tu..e’ un file binario da caricare direttamente dall’interfaccia per la configurazione

      Quota

  • Fastweb l’ho molto apprezzata quando ho installato kubuntu la prima volta con la scheda ethernet. No problem al primo colpo, modem/router Thomson, ho attaccato SOLO il cavo, non mi è servito configurare niente. Ben diverso il giorno prima, quando ho provato ad installare kubuntu con lo stesso modem/router ma via usb, il giorno dopo con 9 euro ho comprato la scheda ethernet e via.
    😀

      Quota

  • @Ramiel
    in effetti e’ un po’ come wine..non tutti gli rpm convertiti funzionano.
    Io farei un interfaccia seria , non gdebi-kde, tipo kpackage.. dove si VIETA di installare pacchetti debian che non sono espressamente creati per Ubuntu…

      Quota

  • zeldoso ITALY 12 anni ago

    Ritengo che bisognerebbe puntare più sulla stabilità e meno sull’innovazione. Se per evitare di usare il terminale devo aprirlo perchè mi si blocca un programma allora è tempo perso.

    Inoltre reputo che ogni nuova distribuzione di K/Ubuntu che viene creata diventi sempre più lenta e pesante. Dopo una nuova installazione devo sempre passare molto tempo per ottimizzarla. La reattività del sistema con Slackware o OpenSUSE è nettamente maggiore nonostante le due distribuzioni montino anch’esse KDE.

    Altra nota dolente è la gestione della password del Network Manager. Mi pare assurdo dover immettere la password ogni volta che accedo solo per stivare la mia chiave wep. Un approccio più simile a quanto accade su Ubuntu sarebbe gradito.

    Da possessore di scheda wireless Broadcom sono molto deluso dal fatto che il gestore dei driver proprietari mi chieda di collegarmi ad internet per poter scaricare il firmware per collegarmi a internet. Tutto ciò rasenta la follia.

    Per quanto riguarda una GUI credo che bisognerebbe imparare molto da Yast2 che riesce in modo molto trasparente e potente a gestire tutte le impostazione hardware e software dando importanza (cosa che su K/Ubuntu non vedo) alla sicurezza.

    Inoltre, come altri hanno già detto, ci vuole più cura. Non mi dispiacerebbe avere anche un tema un po’ più maturo e meno plasticoso (altro aggettivo non mi veniva) che non faccia sembrare KDE un DE per bambini.

    Ultima cosa che avevo dimenticato. Dolphin è dannatamente lento (almeno la versione per kde3, spero migliori con kde4). Desidero fortemente un ritorno alle origini con konqueror come file manager di default. Sono d’accordo nel dividere il browser dal filemanager, ma solo e soltanto se il secondo non risulta più lento e meno flessibile.

      Quota

  • zeldoso ITALY 12 anni ago

    Scusate, mi sono scordato un’altra cosa.

    Io non riesco a far funzionare Stringi. Non indicizza nessun file. A questo punto preferisco usare beagle che può avere tutti i difetti del mondo, ma funziona.

      Quota

  • @zeldoso
    haha..scusa ma hai scritto “stringi”..
    🙂
    Si capisco cosa vuoi dire riguardo la distribuzione in se..anche se quel discorso della password riguarda i permessi di root e quindi non mi pare tanto assurdo che sia cosi’
    Strigi ancora non e’ completamente integrato ma funziona, prima pero’ devi indicizzare le directory..altrimenti non ottieni alcun risultato
    Lascia perdere beagle che si tira dietro tante dipendenze ed e’ davvero pesante (oltre a lasciare file di conf ovunque)
    Aspettiamo…

      Quota

  • zeldoso ITALY 12 anni ago

    si, mi scuso per il grossolano errore. Comunque non sono uno sprovveduto. ho impostate le cartelle che voglio che strigi indicizzi. Ma purtroppo la ricerca nell’indice, che strigi indica come contenente qualche migliaio di file, non restituisce tutti i risultati che dovrebbe.
    Resta il fatto che, beagle non mi pare tanto mastodontico come viene spesso descritto, anzi, quando lo uso non lo sento andare. Tant’è che la prima volta che l’ho fatto partire mi sono stupito che avesse già indicizzato tutte le cartelle inserite senza aver alcun tipo di ricaduta sulla reattività e sulla velocità del sistema.

      Quota

  • con beagle ho avuto esperienze terribili..col demone poi non ne parliamo..e non e’ nemmeno facile rimuoverlo completamente…ma forse tu parli di una versione Beagle diversa dalla mia (io di Kerry-beagle). Senza dubbio strigi non e’ ancora perfettamente integrato..quello si..
    a questo punto meglio locate..

      Quota

  • sono una frana come programmatore e non sono pratico di grafica, al massimo posso parlar male delle alternative commerciali …. basta? LOL !!!
    n.b.
    da tempo lo sto gia’ facendo in maniera copiosa a forza di FUD! neehehhehdeehihihihi

      Quota

  • zeldoso ITALY 12 anni ago

    Per la questione della chiave wep, ho notato che in ubuntu viene salvata in modo differente da kubuntu. Infatti non è necessario inserire la password ad ogni avvio per aprire il kwallet (o il corrispettivo di gnome di cui non ricordo il nome). Era solo questo che facevo notare.

    La versione di Beagle che ho usato è quella installata in OpenSUSE che convive comodamente nel mio hard disk insieme a Kubuntu. Quindi direi che è proprio Kerry-Beagle. Magari negli anni hanno migliorato la situazione.

    Purtroppo per OpenSUSE devo riconosere l’incontestabile superiorità di Apt rispetto a Yast.
    Credo sia principalmente quello che mi tiene ancora ancorato a K/Ubuntu. Spero diano più importanza agli aspetti detti sopra per la versione 8.04.

      Quota

  • @zeldoso
    quello che mi tiene legato a kubuntu e’ il fatto che praticamente la mia versione non c’entra piu’ nulla con quella di default..anche per questo a volte non riesco a capire che problemi hanno i nuovi utenti..
    Parli del network manager ma io non lo utilizzo..uso wlassistant per il wifi e niente per la connessione ethernet..

      Quota

  • @divilinu: yes, ma il modem e’ di Telecom, non lo uso solo io e se cambio firmware e combino casini devo farmelo cambiare. E l’interfaccia di configurazione e’ bloccata, non si puo’ configurare praticamente nulla. Online ci son innumerevoli guide per far funzionare decentemente quel router ma il rischio c’e’ sempre. Comunque sono OT, ciao 🙂

      Quota

  • zeldoso ITALY 12 anni ago

    Aimè, non sono questi i problemi dei nuovi utenti.
    Il problema è che sempre più spesso la gente si avvicina a linux convinta da ubuntu, ma si ritrova di fronte un OS più instabile di Windows XP, più lento di Windows XP, con tanti effetti grafici alla Windows Vista (a mio avviso inutili) e con un livello di sicurezza che non supera L’OSX.
    Tutto questo unito agli insuperabili problemi legati all’incompatibilità di programmi per windows quali cad e videogiochi e all’incompatibilità di hardware poco conosciuti.

    Cose deve rispondere un utente Linux ha un nuovo utente che si lamenta che firefox su windows è più veloce e invece su linux si chiude senza motivo?

    Questi problemi sono troppo frequenti.
    Come quando con Feisty il kernel appena aggiornato ti gettava un una sconfortante schermata nera.
    Certo, c’era il kernel precedente. Vallo a spiegare ad uno che non sa cos’è il kernel.
    Se un sistema operativo non è stabile allora non è adatto a tutti; questo a prescindere che ci siano GUI per grub o per altro.

    La varietà delle distribuzioni linux è sorprendente, ma non puoi pretendere che un nuovo utente installi come niente Debian alla ricerca di un sistema operativo stabile.

    Se K/Ubuntu vuole essere per tutti, come dichiarato più volte allora deve essere più stabile e possibilmente più veloce.

    Se un utente alle prima armi è costretto a tornare a windows, vuoi perchè pigro, vuoi perchè incapace di far andare il suo nuovo sistema operativo,Cosa servono le nuove GUI?

    Concludo dicendo che per me è stato molto stimolante imparare ad usare il terminale e devo dire che ora, dopo un anno di esperienza lo uso spesso come uno strumento in grado di sopperire alla lentezza e alla mancante flessibilità delle GUI.

    Mi scuso per essere stato un po’ troppo critico ma alla fine linux mi piace e vorrei che la gente che sviluppa distribuzioni come ubuntu riflettesse un po’ su questi argomenti.

      Quota

  • @zeldoso
    pero’ e’ anche vero che molta gente interpreta troppo alla lettera il manifesto di Ubuntu
    Ubuntu vuole essere per tutti, non “Ubuntu e’ per tutti”..altrimenti l’impressione e’ quella che al minimo intoppo questo obiettivo sia fallito..ma allora potrei linkare un forum tra tanti dove centinaia di persone si arrovellano per risolvere i loro problemi con Xp o con Vista..

      Quota

  • Marco Cimmino ITALY 12 anni ago

    zeldoso:
    di strada ce n’e’ da fare, ma tieni conto che alcune tue critiche sono un po’ campate in aria.
    Il fatto del livello di sicurezza alla OSX lo vogliamo documentare oppure l’hai messo li’ per fare mucchio?

    L’instabilita’ di cosa? Io Linux pure lo critico (come vedi) pero’ non lancio accuse prive di fondamenti, mi documento, mi informo e scrivo pagine come quella elencate.
    Accuse casuali a 360° secondo me sono sbagliate, poi soprattutto se prive di prove.

    La velocita’ per me e’ molto alta, devi tener conto che sono piu’ lente le applicazioni scritte per GTK se stai usando KDE, firefox se lo provi su Ubuntu invece che Kubuntu va molto piu’ veloce, ma questo credo sia abbastanza comprensibile.
    E poi mi porti XP come esempio? Hai mai provato a fare click di dx su un file .iso da 4 GB via network da XP a XP con Risorse di rete? Quel pazzo comincia a leggersi 4GB di roba via rete, risultato sai quando inizi, ma non quando finisci. Provalo e vedrai come rimpiangi Linux 😀

    E poi tieni conto un’altra cosa:
    puoi fare anche il SO + bello del mondo ma contro la pigrizia della gente non c’e’ niente che tenga.
    Io ho visto gente che su XP usa dei programmi vecchi e insulsi per fotoritoccare le foto e si e’ talmente “affezionata” che pur di non impararne uno migliore si tiene stretto quello che magari fa 3 cose in croce.

    Ripeto: se uno e’ pigro non guardera’ mai alla qualita’ del software, ma solo a quello che ha sempre usato, che al 99% e’ Windows, quindi…

      Quota

  • zeldoso ITALY 12 anni ago

    Marco Cimmino: Sono sostanzialmente d’accordo con quello che dici, ma io non critico linux, critico ubuntu.

    Ubuntu nonostante sia un ottimo sistema operativo non è stabile come dovrebbe. Due o tre volte (in un anno e poco ma se penso che non è mai successo su windows mi vengono i brividi) si è totalmente bloccato. In vari casi sia firefox che gaim in feisty si sono chiusi senza motivo (problema comune anche ad un altra persona che conosco) senza dare nessuna segnalazione d’errore. Il problema di feisty con l’aggiornamento del kernel è stato comune a moltissime persone (direi quasi tutti i proprietari di schede nvidia). La versione di OpenOffice.org di Gusty (solo quella di Gusty) si blocca utilizzando la funziona CONTA.SE in calc. Se apri dolphin come root poi ti cosparge di errori. Durante il passaggio da Edgy a Feisty si è bloccato l’aggiornamento (il computer non rispondeva a nessun input) e al riavvio(aimè utilizzando il tasto di accensione) non partiva più il server grafico. Con un po di pazienza ho concluso l’aggiornamento senza parte grafica, ma è stato decisamente molesto.
    Non parliamo di Xubuntu: Aprire immagini con OpenOffice draw è impossibile. Apre una finestrella per impostare la qualità dell’immagine che viene coperta dallo splash screen. Non potendo Cliccare ok e neanche confermare con invio l’unica soluzione è killare l’applicazione. La gestione delle stampanti è senza senso. Gimp e il visualizzatore di immagini (ora non ricordo il nome) non condividono le impostazioni della stampante con il resto del sistema. per stampare immagini l’unica soluzione è aprirle con OpenOffice draw (ironia della sorte) o inserire un’immagine in un file di testo.
    Ci sono tante altre piccolezze che magari possono sembrare stupide, ma che nascodono un’insuperabile ostacolo per chi non è esperto in sistemi linux.

    Insomma non si può dire che è proprio stabile

    Sulla questione della sicurezza sono stato abbastanza superficiale, ma l’OSX non soffre il problema dei virus (come linux in generale, intendiamoci) e dispone di un firewall installato di default e facile da configurare tramite interfaccia grafica, cosa che ubuntu non mette a disposizione.
    OpenSUSE ha nel pannello di controllo (Yast2) una intera sezione dedicata alla sicurezza del computer. Rispetto ad Ubuntu c’è una certa differenza.

    Io utilizzo linux con molta soddisfazione e per molte attività lo preferisco a qualsiasi altro sistema operativo.

    Resta il fatto che il mio commento non vuole essere il faro che illumina voi poveri stolti che usate K/Ubuntu (che tra l’altro uso anche io), ma solamente una mia riflessione su un sistema operativo che penso stia facendo un passo più lungo della gamba.
    Il solo fatto che Ubuntu sia una derivata della parte “instabile” di Debian la dice tutta.

    Io uso Ubuntu e continuerò ad usarlo, ma preferirei un sitema più veloce e stabile rispetto ad avere compiz di default.

    spero di aver espresso il mio pensiero, non vorrei però abusare oltre di questo spazio.
    Mi scuso per il disturbo

      Quota

  • Marco Cimmino ITALY 12 anni ago

    Si devo ammettere che il tool di upgrade e’ qualcosa di allucinante.
    Finche’ va tutto bene ok, appena qualcosa va storto prega che il sistema sia in condizioni decenti e la prima regola e’ non riavviare finche’ non si e’ riusciti a fargli terminare il passaggio.

    Ho criticato piu’ volte con gli sviluppatori stesso questa cosa, ma spesso mi prendono per un rompimaroni.

    Lo so il lavoro e’ tanto, infatti io stesso ho cercato di dare un contributo con questa pagina, ma ti assicuro che uno dei problemi principali per cui queste cose accadono e’ che gli sviluppatori NON usano le cose che implementano.

    Per esempio scommetto che GDebi non lo usa nessuno tra gli sviluppatori di Kubuntu senno’ non sarebbe possibile che l’abbiano messo tanto fa schifo per me.

    Stessa cosa per il bluetooth come anche divilinu ha fatto notare, da Feisty a Gutsy e’ semplicemente peggiorato, si vede che loro usano altro.

    Il problema sta tutto qui: usare le applicazioni che si implementano come DEFAULT.
    Finche’ la gente installa e programma gdebi poi usano apt-get per installare c’e’ un problema di fondo no?

      Quota

  • premesso che il sistema va alla grande..premesso che i programmi installati (tantissimi) vanno tutti alla grande..premesso che l’amministrazione straordinaria e’ calata in modo esponenziale (un minuto per i driver nvidia…30 per il kernel ogni 4-5 mesi..qualche driver 2 script..)..premesso che non vedo crash da non mi ricordo quanto (crash inteso come prendi un livecd e metti a posto)..premesso che originariamente sono partito un anno e mezzo fa con breezy, poi dapper, poi edgy poi feisty e ora gutsy (circa 3000 programmi installati solo dai repository)..
    ..non me la sento di dire che Ubuntu o Kubuntu facciano cosi’ schifo
    Secondo me aumentano i casi di persone dispiaciute..perche’ aumentano le persone stesse che usano Ubuntu.
    Qualcuno di questi “sfortunati” linuxiani alle prime armi si ritrovano poi dopo pochi mesi addirittura contribuendo con blog wiki e quant’altro.
    Diciamo che non saprei quale sia la versione di Linux senza un problema o senza quella a macchinosita’ che scoraggia parecchie persone..una volta il bootstrap era diverso, poche applicazioni..giusto l’essenziale, mentre oggi c’e’ piu’ gente e quindi piu’ esigenze diverse
    Poi secondo me c’e’ una cosa fondamentale che solitamente tutti di dimenticano..non abbiamo il vicino di casa che ci fa vedere come funzionano le cose, non possiamo fare paragoni diretti con altri utenti linux..o almeno non tutti.
    Se solo qualcuni facesse vedere come si sistemano quelle 3 – 4 minchiate che puntualmente accadono con Ubuntu..tempo un oretta e cambiano idea tutti quanti sulla stabilita’ di questo sistema operativo.
    Insomma bisogna sempre pensare che c’e’ gente che non ha mai problemi..quindi vuol dire che raggiungere il massimo si puo’..
    😉

      Quota

  • Marco Cimmino ITALY 12 anni ago

    Per me sotto kubuntu ci sono cose che vanno splendidamente, tipo k3b, io credo che nemmeno su windows ci sia un programma migliore.

    O anche come krusader (non inst di default pero’), chi non lo conosce ci dia un occhio, supera konqueror, dolphin e qualsiasi altra cosa.
    Poi ci sono i programmi che zoppicano, vuoi per una gui poco felice, vuoi per i molteplici bug, vedi gdebi, knetworkmanager, adept comincia solo ora ad essere usabile, seppur continui a crashare spesso da me.

    Cio’ nonostante uso kubuntu di default, anche per lavoro 🙂

      Quota

  • @Marco
    ma leva tutto..hehe
    🙂
    il knetwork mai visto..gdebi a che serve..usi dpkg o il vecchio servicemenu che e’ molto meglio…
    Adept?..meglio il kpackage..lol

      Quota

  • Marco Cimmino ITALY 12 anni ago

    ma certo, infatti ho messo puntualmente il vecchio servicemenu 🙂

    Quello che mi rompe e’ che delle volte kubuntu regredisce, non tutti sono come noi che sanno arrangiarsi e hanno voglia di mettersi a provare alternative, gia’ e’ molto se qualcuno arriva ad installare un SO “alieno” 😀

      Quota

  • Algol ITALY 12 anni ago

    ecco magari un sostituto per knetworkmanager sarebbe cosa meravigliosa… anche se non ho capito se fa fatica a connettersi wireless a causa della gui (knetworkmanager) o proprio per colpa di NetworkManager

      Quota