Chi dice che il sottoscritto riesce sempre ad individuare oggetti che per molti (fuffologi) rimangono non identificati si sbaglia di grosso.
I casi misteriosi esistono, sono sempre esistiti e sempre esisteranno. Sono quei casi che non offrono sufficienti elementi per valutare una possibile origine del fenomeno, sia esso “alieno” o Terrestre.
L’UFO dell’Oregon ne è un esempio. Le fotografie che sto per proporvi sono bizzarre ma allo stesso tempo interessanti. Da queste immagini sono nate varie una discussioni tra utenti di forum e blog che ad oggi non hanno prodotto nessun risultato.

La storia

Scatti: 16 Settembre 2011
Report: 24 Gennaio 2012

Siamo nell’Oregon, in volo sopra la località Sisters nei pressi del Mount Jefferson, a bordo di un Grumman HU16b (Albatross) in volo da Seattle a Los Angeles per alcuni servizi di connessione internet satellitare.
Il pilota, anonimo ma con una lunga esperienza di volo (oltre 40.000 ore) e diverse specializzazioni in meccanica e manutenzione velivoli, scatta alcune fotografie con il suo Iphone4:

Il resto della storia, con i commenti del pilota, la potete consultareQUI (il report ufficiale inviato al NUFORC).

Le analisi

Il pilota del Grumman sembra una persona piuttosto esperta. Riporta minuziosamente tutta una serie di stime e di indicazioni su distanze, velocità, etc…etc…(se la “tira” pure con i suoi 20/20 da occhio di Falco. E poi io sapevo che il massimo è 10/10 ma vabbè).

Il velivolo si trovava ad una quota di circa 11.500ft con una velocità (non si sà se TAS o GS rispettivamente Thrue Air Speed e Ground Speed) di 200Mph, quasi al massimo della velocità dichiarata (236Mph).
La lunghezza dell’ala destra è di 50ft mentre i Float (i galleggianti gialli nella foto) si trovano a 40ft dalla fusoliera e sono lunghi 10ft (3,3mt). L’oggetto si trovava a 1000ft di distanza laterale ed era lungo quanto l’Albatross stesso, cioè 70-80ft (anche se nelle specifiche del Grumman HU-16 si parla di 19 metri circa).
Se consideriamo la grandezza dell’immagine e ipotizzando che l’oggetto si trovi all’esterno, questi valori sono incredibilmente veritieri, con poco scarto. Aggiungo anche che, secondo i miei calcoli, l’oggetto aveva un’altezza di poco superiore a quella dell’Albatross, ovvero 90-100mt in più.

I dati Exif dell’Iphone non sono stati modificati e riportano i metadati originali. Questo comunque non è sicuro al 100% perchè è molto difficile affermarlo con certezza.
Il tempo di esposizione cortissimo (1/1676″) non riesce comunque ad evitare un effetto “blur” dovuto, probabilmente, all’alta velocità del velivolo (o dell’oggetto).

Le ipotesi

Diciamo che le possibili interpretazioni possono essere di tre tipi:

1- L’oggetto si trova all’esterno del velivolo
2- L’oggetto si trova appiccicato sul vetro
3- L’oggetto è riflesso nel vetro

La prima ipotesi è quella che più mi convince. Considerando veritiera la versione raccontata dal pilota, cioè sulla grandezza notevole dell’oggetto, le analisi confermano i dati forniti dall’uomo. Inoltre l’oggetto sembra davvero che si trovi all’esterno. Basta guardare la definizione, mossa ma non sfocata, e l’incidenza dei raggi solari che colpiscono in pieno quella strana “cosa” rossa. Non può essere un riflesso. Se notate in tutte e due le immagini è presente una specie di “quadrato” più scuro. Questo è probabilmente, avendo studiato gli interni del Grumman, il riflesso del finestrino di sinistra. Se nella seconda fotografia l’oggetto esce da questo campo, è molto improbabile quindi che si tratti di un riflesso.

Una immagine riflessa ha una densità di toni di grigio molto diversa. Sembra quasi trasparente, mentre nel nostro caso i colori sono molto accesi. Inoltre si vedrebbero riflessi altri oggetti: equipaggio, apparati, strumentazione etc… Non si evidenzia alcuna fonte di luce così intensa all’interno del velivolo tale da giustificare l’alta definizione dell’oggetto.

Alcuni affermano che invece possa trattarsi di qualcosa appiccicato sul vetro, come un amo o un’esca rimasti attaccati durante le manovre di rullaggio prima di librarsi in volo. Qualsiasi cosa sia avrebbe dovuto essere attaccata col Bostik perchè se l’aereo procedeva a quasi 350km/h è ben difficile che non si fosse staccata.

Ecco un ingrandimento dell’oggetto con il contrasto accentuato:

In un’altra versione, convertita a 8bit, ho messo a confronto inizialmente la sagoma dell’oggetto con una leva laterale presente sul pannello di controllo superiore, nel cockpit. Ipotesi poi scartata per i motivi sopracitati.
Come poi vedremo è impossibile che vi sia riflesso qualche comando presente in cabina perchè le fotografie sono state scattate dai sedili del corridoio posteriore, attraverso un oblò.

È bene inoltre ricordare la parte dinamica, che non è proprio intuibile. L’aeromobile si sposta da destra verso sinistra. Il senso di marcia non è al contrario. L’indizio fuorviante lo fornisce il pilota stesso, affermando che l’oggetto supera il velivolo. In realtà ciò non accade perchè, come si nota anche dagli ipersostentatori (FLAPS) sull’ala, è l’aereo che supera l’oggetto e non viceversa:

Questa JPG animata, realizzata da Insider, aiuta a capirci meglio:

Nello specifico sono state formulate altre ipotesi:

1- Cluster Balloons (che il pilota stranamente esclude nonostante la fervida attività di questo “sport” sul territorio U.S.A)

2- Aereo appartenente ad una pattuglia acrobatica

3- Sport estremi o paracadute abbandonato alle correnti (e il poveraccio che era attaccato??)

4- Per la gioia dei fuffari, le somiglianze con L’X-Wing dei Ribelli sono da far “accantonare” la pelle..:-):

Le molteplici incongruenze

Come ho anticipato, nel racconto del pilota molte cose non tornano. Innanzitutto la tempistica di questo strano avvistamento. Il pilota si contraddice in questo passaggio:

I see them all the time. That being said, the object was literally a blur and I didn’t see it as it was moving in the same direction as the plane.
As for the pictures, they cannot be a balloon cluster as this thing passed us!!

Li vedo tutte le volte. Vuol dire che l’oggetto era letteralmente mosso e non ho visto se si stava muovendo nella stessa direzione dell’aeromobile.
Come si vede dalle immagini, non potevano essere cluster di palloni perchè questa “cosa” ci ha sorpassati.

Look at the lake on the first picture as the object comes from right to left, go to the next shot, it’s in frame, look at our relative movement passing the lake then the last shot as the thing is hidden by the wing and our location relative to the lake again

Secondo il pilota l’oggetto si muove da destra verso sinistra e nella terza foto, quella mancante, l’oggetto è nascosto dall’ala. Le nostre analisi hanno evidenziato come in realtà sia l’aereo a superare l’oggetto. E questo è confermato anche dai dati exif:

– Prima immagine:

Time: 11:16:28

– Seconda immagine:

Time: 11:16:35

It appears to be banking around us for a split second then gone.

Si è messo a volare attorno a noi per una frazione di secondo e poi se ne è andato

Tra i due scatti passano invece ben 7 secondi. Quindi questo oggetto non doveva essere così veloce come dichiarato. Anzi, conferma quello che si vede nelle immagini. L’oggetto è fermo nel cielo e l’aereo lo sorpassa in 7 lunghissimi secondi.

Le fotografie non sono state scattate dalla cabina di comando. In questa immagine, sulla diagonale dell’ala, c’è un piccolo oblò. Il pilota dice solo di essere pilota…ma non di essere alla guida del velivolo:

Qualunque cosa sia, ci sono delle contraddizioni notevoli nel racconto. Questo porta a pensare che il pilota abbia mentito, involontariamene o no, e che probabilmente l’oggetto sia veramente un insieme di palloni o qualcosa di simile ma naturalmente non è stato ancora confermato.

Articoli sull’avvistamento:

Alien Ufo
Rense.com
Socialleaks.info

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Il tuo indirizzo ip:
54.146.59.207

Valutazione 3.00 su 5
happy wheels 2 demo

Commenti via Facebook:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

17 Comments

  • Zero_72 KAZAKHSTAN Mozilla Firefox Windows 5 anni ago

    Attenzione, è l’oggetto\skifezza rossa che supera l’aereo non viceversa.
    La Gif animata è corretta, ma la prima foto è quella in cui si vede la punta dell’oggetto provenire da dietro, la seconda è quella in cui invece si vede bene lo scarabokkio rosso al centro della foto.

      Quota

  • Si ho commesso un errore con gli exif, adesso sistemo grazie. Comunque il pilota parla di frazione di secondo quando in realtà tra il primo e il secondo scatto ne passano 7. Se ne deduce che questo oggetto non andava poi così veloce. E se avessero invece ridotto la velocità dell’aeromobile?

      Quota

  • Zero_72 KAZAKHSTAN Mozilla Firefox Windows 5 anni ago

    Questo non potremo mai saperlo, a meno che Kosline riesca a farsi rispondere.

      Quota

  • Fozzillo ITALY Mozilla Firefox Windows 5 anni ago

    Io punto per l’oggetto spiaccicato sul vetro del finestrino.
    Ho cercato di confrontare il punto di scatto, e mi pare che tra le due foto il fotografo si sia spostato in dietro (rispetto al moto dell’aereo). Lo si nota se si considera il riflesso del galleggiante sull’ala che si sposta di poco all’indietro. Questo spostamento è compatibile con lo spostamento dell’oggetto in avanti se è spiaccicato sul finestrino.
    Confermo che la prima foto è quella con l’oggetto quasi fuori campo, lo si vede bene se si confronta la prospettiva delle montagne rispetto alle nuvole che sono dietro, si nota lo spostamento dell’aereo.
    Inoltre se le foto sono scattate a 7 secondi di distanza, non si giustifica l’effetto mosso perché in 7 secondi il movimento non è affatto veloce mentre per essere mosso con esposizione così veloce dovrebbe attraversare il campo visivo il una frazione di secondo.
    credo che sia semplicemente sfuocato perché vicino, sul finestrino appunto.

      Quota

    • Pero’ l’ oggetto e’ troppo illuminato per essere appiccicato sul vetro. Bisignerebbe eseguire una densitometria su entrambe le foto…

        Quota

  • Fozzillo ITALY Mozilla Firefox Windows 5 anni ago

    Vero, di solito gli oggetti sui vetri sono in controluce ed in questo caso dovrebbe proprio esserlo visto la luminosità della scena di sfondo e l’ombra della cabina.
    A meno che non ci sia un raggio di luce che lo colpisce, magari che si infila dal “parabrezza” dell’aereo, ovvero dalla sinistra della foto.
    Forse anche il colore ci frega, nel senso che il rosso appare più acceso al cervello umano di quanto non lo sia veramente, è un colore che ci allarma.
    Sì, ci vorrebbe un’analisi densiometrica “strumentale”, ma io non so come farla… SKUREEEEE aiutoooooo…

      Quota

    • Io ho sviluppato un metodo mio utilizzando imagej ma ci sono dei passaggi da rivedere perche’ non corretti. Domani scrivo a Paolo per darci una mano…almeno per sentire un parere.

        Quota

  • KOSLINE ITALY Mozilla Firefox Windows 5 anni ago

    Hola divilinux , sai che sin dall inizio la dichiarazione del pilota ,a me non me gusta , anche il dettaglio che hai evidenziato del 20/20 di vista da falco , da un pilota di una certa esperienza non me la spetto ….

    Ma rimaniamo sui fatti

    ho contattato giorni fa il Nuforc nella qualità del direttore che ha postato l’articolo , dove gli chiedevo il contrasto fra la dichiarazione del pilota e’ l’articolo di presentazione dove dicono che il pilota stava pilotando mentre con il suo telefonino ha fatto le foto ,quando la foto e’ scattata dagli oblo laterali , poi gli chiedevo chi fosse la compagnia e il pilota, e se si erano accertati della veridicità del testimone, e se l’avvistamento era stato denunciato alle autorità competenti ….

    ma per adesso nada risposta …

    cmq da una ricerca sono riuscito a giungere direttamente alla compagnia che e’ questa : http://row44.com/

    questa compagnia e’ un engineering , che sperimenta e fornisce sistemi integrati per intrattenimento avionico commerciale , in particolare vende una piattaforma completa per il collegamento a banda larga

    questi sono i prodotti principali

    Private-Labeled Portal : http://row44.com/products-services/portal/

    In-Flight Broadband : http://row44.com/products-services/broadband/

    per portare avanti queste sperimentazioni applicazioni la società ha acquistato un Grumman Albatross del 1950 ristrutturato e attrezzato di tutto punto ribattezzato albatros one

    qui il link diretto che chiarisce meglio la cosa : http://row44.com/about/albatross/

    ho fatto questa premessa perché pensavo che era un aereo passeggeri , e avevo pensato che qualche passeggero burlone poteva aver fatto una burlata , ma questo mi dice due cose

    1) che non sarà difficile rintracciare i piloti della row44 non penso che ne abbiano tanti visto che hanno solo un aereo tra l’altro utilizzabile solo per sperimentazioni

    2) che su quel aereo per me quasi sicuramente vi erano oltre i piloti anche i tecnici , quindi tecnici di telecomunicazioni ma anche tecnici INFORMATICI , a certi livelli direi, visto i servizi che offrono e la buona fama che ha la società .

    ti dico che penso

    scenario in buona fede :
    1) oggetto realmente non identificato ,se lo sono trovati e hanno scattato ste foto ma e’ la versione a cui credo di meno vista la dichiarazione iniziale

    oppure due varianti in mala fede a mo di burlonata

    1) un pallone posizionatore trasmettitore , che viene sgonfiato per il recupero a fine sperimenti , so che ne utilizzano per testare la velocità di trasmissione delle apparecchiature o cose varie per questi tipi di esperimenti .

    3) una fakettata di qualche tecnico informatico che non ha un azzarola di niente da fare che rompere le @@ine …

    tu so che hai dato una prima verifica alla foto che non risulta manipolata giusto ?

    Cmq aspetto fino a lunedi sera se il nuforc non mi risponde passo al piano B e cerco di contattare i piloti direttamente… altrimenti rimane il piano C piano incazzuto di sfondamento direttamente con il presidente o responsabili della società , ma non mi va per adesso di calcare la mano vediamo cosa ne esce prima , ti tengo informato …!

      Quota

  • KOSLINE: tu so che hai dato una prima verifica alla foto che non risulta manipolata giusto ?

    No, non risulta. Anche se L’ELA è offline, non ho trovato tracce di manipolazioni … nemmeno a livello exif, anche se sappiamo bene che OGNI campo dei dati exif è modificabile a piacimento.

      Quota

  • KOSLINE ITALY Mozilla Firefox Windows 5 anni ago

    ok grazie della precisazione DIVI …

    vediamo nei prossimi giorni cosa ne esce ….

      Quota

  • PhotoBuster ITALY Internet Explorer Windows 5 anni ago

    Solo alcune considerazioni frettolose (sto per uscire…..)

    -la foto NON sembra essere scattata da un iPhone: dimensioni non corrispondenti, dati di scatto anormali (1\1600 di secondo con 80 di sensibilità sembrano improbabili)

    -la foto è scattata da dietro il finestrino sotto l’ ala, non dalla cabina di pilotaggio

    – le due foto sono state scattate a troppi secondi di distanza l’ una dall’ altra per essere compatibili con la testimonianza, tra l’ altro il movimento apparente dell’ oggetto è causato dallo spostamento del fotografo, come si vede dalla diversa inquadratura delle due foto

    -il paesaggio è perfettamente a fuoco, come l’ ala, non c’è nessun fattore mosso, come l’ oggetto, che è semplicemente sfocato.

    -sulla foto dietro l’ ala è visibile un riflesso del vetro, non essendo compresa una porzione del telaio quindi la distanza del fotografo dallo stesso finestrino è minima (10-20cm al massimo

    -come già detto prima l’ oggetto è sfocato e NON presenta fattore di mosso (non sono visibili striature e componenti che determinano il “mosso”)

    -l’ oggetto presenta illuminazione laterale compatibile con l’ incidenza della luce riscontrabile sull’ ala, in più è probabilmente illuminato anche dall’ interno dell’ aereo (dove NON è buio pesto) e dalla riflessione prodotta dal fotografo (esattamente come se stessimo utilizzando un pannello riflettente)

    -se l’ oggetto è illuminato dall’ interno dell’ aereo, risulta fuori fuoco, non risulta mosso la soluzione può essere una sola: un insetto spiaccicato sul vetro e\o del sangue di un volatile impattato col veicolo (la forma è compatibile con un impatto, e successivo “trascinamento” da parte del vento: è una “goccia”)

    -l’ ipotesi alternativa (che non scarto non avendo analizzato a fondo la foto) è quella del fotomontaggio….ma la foto è semplicemente eseguibile anche su un’ automobile in corsa, senza tanti trucchi digitali

    Insomma siamo davanti ad una versione riveduta e corretta dello scatto classico con sporco\insetti su di un vetro, che è poi la stessa tecnica utilizzata da Urzi con le sfere che gli escono.

      Quota

  • PhotoBuster: -la foto NON sembra essere scattata da un iPhone: dimensioni non corrispondenti, dati di scatto anormali (1\1600 di secondo con 80 di sensibilità sembrano improbabili)

    Lo pensavo anche io ma ho controllato ed effettivamente, con mio stupore, sono le caratteristiche dell’Iphone4s (confronto con queste foto):

    http://www.flickr.com/photos/mikebaird/6645418023/meta/

    PhotoBuster: -se l’ oggetto è illuminato dall’ interno dell’ aereo, risulta fuori fuoco, non risulta mosso la soluzione può essere una sola: un insetto spiaccicato sul vetro e\o del sangue di un volatile impattato col veicolo (la forma è compatibile con un impatto, e successivo “trascinamento” da parte del vento: è una “goccia”)

    Eppure sembra avere un volume notevole…e poi ci sono delle parti blu in mezzo. A meno che non siano “budella” forse.

    ps. Grazie per l’intervento..

      Quota

  • PhotoBuster ITALY Internet Explorer Windows 5 anni ago

    vero, il 4S ha caratteristiche diverse dal 4….ma il 4S era già uscito quando è stata scattata la foto?

    per il “volume” prova a fotografare una goccia da 10cm….in confronto al resto sicuramente sembra grande.

      Quota

    • Questa e’ una incognita perche’ non ho controllato se la versione 4s lascia la dicitura “iPhone4s” negli exif oppure solo “iPhone4”. Nel caso bisognerebbe controllare tutte le altre caratteristiche.

        Quota

  • Certo che proprio il rosso che ti aspetti dal sangue…

      Quota

  • È proprio il…

      Quota