Tra i tanti video ufologici cuoriosi, e sopratutto molto falsi, ne ho scovato uno che proviene dal Brasile (e non potevo emigrare in un paese migliore per gli avvistamenti). Niente alieni che fanno stretching questa volta ma fenomeni visivi fuori dal normale, stando alle numerose testimonianze.

Nel quartiere Distrito de Bonfim in Rondonia (Nord del Brasile) ogni giorno, da più di 15 anni, ai bordi della strada appaiono luci misteriose sempre allo stesso orario.

Recentemente il caso è stato oggetto di alcune indagini più dettagliate che hanno permesso di recuperare un pò di materiale interessante. Un’abitante della zona, Cleide de Oliveira, racconta ai microfoni dettagli sulla notte dell’incontro con queste strane luci. Vi traduco brevemente dal portoghese:

Arrivando là noi abbiamo potuto confermare la presenza della luce. Era poco distante da noi. Ci siamo avvicinati e dopo lei è riapparsa nuovamente. Quindi ci siamo avvicinati ancora di più. Quando è apparsa per la terza volta era come se un’altra luce spuntasse dalla foresta per inseguirla. Ad un certo punto entrambe le luci sono sparite una dietro l’altra. Così ho pensato “andiamo a prendere il camion per avvicinarci ancora”. Quando abbiamo iniziato la discesa la luce si è messa a brillare come un Sole sopra la mia testa. Ho pensato di poterci passare in mezzo accelerando, con grande terrore delle mie amiche, ma all’improvviso è sparita sotto terra. Sono sicura che non si trattasse di fari di macchine o motociclette perchè ho visto coi miei occhi quella luce sprofondare. C’è sicuramente qualcosa di misterioso in questa vicenda.

Secondo gli abitanti di 7ª Linha do Iata, il fenomeno luminoso in cielo è pressochè costante. Molti credono che si tratti di dischi volanti. Il mese scorso una equipe della TV Guajará Canal 3, è stata in quel locale accompagnata dalla Polizia Civile e il fenomeno è stato registrato dal cameraman Rilmo Dantas.

Anche il reporter João Teixeira, del sito Guajaranoticias, accompagnato da un funzionario di Rádio Guajará FM 93,7, Cristiano Martins e da altre presone, è partito alla volta del luogo dell’avvistamento per poter vedere da vicino questi oggetti ancora non identificati. Durante la “battuta di caccia” sono state anche scattate alcune foto a queste “bolle di fuoco”.

In base alle dichiarazioni del reporter, si riesce ad intendere la natura misteriosa del fenomeno.

Al momento dell’apparizione avevamo la sensazione che l’oggetto venisse incontro a noi. Le persone del gruppo si sono messe a correre in direzione della luce ma quando sembrava che l’avessero raggiunta questa è sparita ai bordi della strada, tra gli alberi della foresta.
Si manifestano sempre tra le 18:30 e le 20:00 e dopo la Mezzanotte.

Tutto comincia con una luce fioca nell’oscurità ai margini della strada. Poco a poco la “palla” aumenta di dimensioni e cambia colore. A volte sembra immobile altre sparisce di nuovo nella foresta. Alcune leggende narrano di un automobilista che aveva sofferto un incidente in passato proprio nel luogo delle apparizioni luminose. Altre invece sono legate alla famosa “mãe do ouro”. Anticamente era abitudine seppellire l’oro e le anime di chi non rivelava (in vita) il posto esatto del tesore erano destinate a vagare eternamente per il Mondo.

Non ne sono del tutto convinto, ma queste minuziose testimonianze e la ciclicità dell’evento (sempre alla stessa ora) fanno pensare ad un fenomeno naturale, tipo qualche insetto della famiglia Lampyridae (ce ne sono circa 2000). Le classiche lucciole delle notti d’estate.

La luce emessa da questi insetti è dovuta all’ossidazione del substrato fotogeno luciferina ad ossiluciferina, che avviene in presenza di ossigeno grazie alla catalisi operata dall’enzima luciferasi.
Alcuni segmenti addominali, generalmente gli ultimi, sono trasparenti sul lato ventrale e riccamente percorsi da trachee e tracheidi che conducono l’ossigeno necessario alla reazione di ossidazione. Regolando il flusso dell’aria l’insetto può regolare la frequenza del lampeggiamento.

Si tratta di una luce fredda, la cui lunghezza d’onda oscilla fra i 500 ed i 650 nanometri. L’intensità invece varia a seconda delle specie.
L’emissione luminosa è presente sia negli adulti che nelle larve. Negli adulti la funzione è collegata all’ accoppiamento: i maschi, infatti, emettono segnali ritmici luminosi, cercando di attirare l’attenzione delle femmine, che a loro volta emettono luce a ritmi differenti. L’intensità invece varia a seconda delle specie. Anche le uova sono luminescenti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Il tuo indirizzo ip:
54.162.250.227

Valutazione 3.00 su 5
happy wheels 2 demo

Commenti via Facebook:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

8 Comments

  • Receptionist BRAZIL Internet Explorer Windows 6 anni ago

    Ma so lucciole?

      Quota

  • No, cioè, non lo so. Dalle descrizioni sembrerebbe di si, dalle immagini no. Ma in questa storia potrebbero essere confluite contaminazioni varie (fari delle macchine, torcie, etc…).

    I movimenti di queste “sfere” hanno delle similitudine con le danze di accoppiamento delle lucciole. In una notte completamente buia, da lontano, ti assicuro che fanno effetto, suscitano meraviglia e stupore.
    Quando ci si avvicina scappano “nella foresta” o spariscono “sotto terra”. In realtà potrebbe voler dire che si “spengono” improvvisamente invece che “sparire nel nulla” o peggio ancora sotto terra.

      Quota

  • Receptionist BRAZIL Internet Explorer Windows 6 anni ago

    OFF TOPIC:
    Ma fuori stagione a Maceió trovo qualcosina di carino senza farmi spennare come febbraio scorso??

      Quota

  • Receptionist:
    OFF TOPIC:
    Ma fuori stagione a Maceió trovo qualcosina di carino senza farmi spennare come febbraio scorso??

    Vuoi dire come alloggio? Da metà Novembre impazziscono tutti con i prezzi perchè comincia la temporada. Sicuramente meno che a Febbraio…non ci sono eventi particolari fino a quella data (capodanno a parte)

      Quota

  • Sonichead ITALY Mozilla Firefox Linux 6 anni ago

    Dai le lucciole è impossibile.. Le lucciole stanno sempre in gruppi abbastanza numerosi, e la luce che emettono è molto luminosa ma di dimensioni estremamente piccole..
    D’estate se ne vedono parecchie da queste parti, impossibile scambiarle per ufo

      Quota

  • Ma oggi è ufo tutto quello che vola, grande o piccolo che sia.
    La storia è completa ma il materiale è ambiguo. Se il fenomeno si ripete a intervalli regolari e da diversi anni di seguito mi pare impossibile che nessuno non abbia ancora risolto il mistero. Se quando ti avvicini le luci spariscono…bhe, che fenomeno bastardo!..:-)
    Comunque a sostegno della folle ipotesi delle lucciole ho trovato una cosa molto interessante:

    Per quanto riguarda il colore:

    La luce appare a volte fissa e mantenuta per un certo periodo di tempo, a volte emessa ad intervalli ritmici, con frequenza, durata ed intensità varie. Le lunghezze d’onda delle luci emesse oscillano tra il verde-blu e l’arancione rossastro, ma il medesimo insetto può emettere luci diverse o anche di diverso colore da diversi apparati ed in diversi momenti

    Il Phryxothrix, ad esempio, un elateride brasiliano, emette una luce rossa sul capo e luci verdi e gialle ai lati.

    Per quanto riguarda l’effetto ottico:

    Questa luce non è polarizzata ed agisce su tutti i fenomeni chimici e fisiologici come quella solare. Sebbene la sua intensità luminosa sia modesta, essa appare all’Uomo vivissima, poiché ha un’intensità massima alla lunghezza d’onda di 5000-6000 Angstrom, a cui l’occhio umano è sensibilissimo

      Quota

  • Receptionist BRAZIL Internet Explorer Windows 6 anni ago

    ULTIMO OFF TOPIC:
    Hai mai visto flottilas li a maceió?
    Io li vidi sul terrazzo qui a são paulo e vidi nello stesso momento una cosa a forma di diamante come quello che fu filmato in Messico (chizen itza..se si scrive cosi)..girava su se stesso ed era solo un poco piu’ in alto di un palazzo.
    Sembrava che, peró , lo vedessi solo io.
    Poi che sono nn lo sapró mai.
    Se so palloni so palloni..alquanto strani.

      Quota

  • Io credo che le “flotillas”, così come gli EBANI, siano dei palloncini, di struttura semplice o complessa, nella maggior parte dei casi. Se non sbaglio a Chichen Itza è stato avvistato anche un pallone a forma di disco con lame rotanti…tanto per capire quanti e quali modelli di moderni palloncini, per feste e/o eventi speciali, siano commercializzati attualmente.

    Detto questo, non mi è mai capitato di assistere ad un “fenomeno” del genere qui a Maceiò.
    😉

      Quota