Questo video, che arriva dagli Stati Uniti, è stato girato da una equipe della NBC a St. Louis al ritorno da un breve spot pubblicitario durante la partita di football tra New Orleans Saints e Indianapolis Colts (Finita 62 a 7 per i padroni di casa – 23 Ottobre). Le telecamere si soffermano sulla suggestiva immagine dei tre campanili della cattedrale di St. Louis quando ad un tratto qualcosa attraversa il campo visivo.

Visto in tempo reale è difficile capire se c’è qualcosa di più del semplice lampeggio. Ma un esame sommario del video frame-by-frame rivela un oggetto a forma di bastoncello sormontato da puntini luminosi accesi. Questa forma è tipica dei RODS, creature vibrazionali scoperte da Jose Escamilla nel 1994 e ampiamente spiegate come semplice anomalia dovuta ai lunghi tempi di esposizione e la vicinanza stretta con l’obiettivo (effetto motion blur).
Fino a qua tutto normale insomma, niente di nuovo o di particolarmente stuzzicante. I believers tuttavia contestano un’altra anomalia che mostra uno di questi “RODS” passare dietro al campanile:

Marc Dantonio, esperto di analisi video e fotografiche per il Mutual UFO Network ha spiegato così il fenomeno:

Penso che questi siano semplici insetti catturati nel video e che stanno volandocon una frequenza di battito delle ali tale da provocare questo bizzarro effetto visivo.

Dantonio è anche proprietario della FX-models, una impresa che si occupa di effetti e modelli speciali per conto del Governo. Non stiamo certo parlando di chi applica i filtri di Photoshop per le analisi*

Ma il fotogramma mostra l’oggetto dietro la cattedrale. Come potrebbe essere se fosse solo un insetto?

L’oggetto non passa dietro la cattedrale; In realtà passa di fronte ad essa. Ma a causa della saturazione del CCD [Charge-Coupled Device utilizzato nel digital imaging], sembra che stia passando proprio dietro l’edificio. Mentre i tre punti, o luci, sull’oggetto penso che siano battiti d’ala.
Ad ogni modo sono convinto che esista una spiegazione razionale del fenomeno perchè questi oggetti passano molto vicino alla telecamera.

Fonte: Rumormillnews

* Per eseguire delle analisi su una fotografia bisogna essere si in possesso di quella originale ma anche di altri dati fondamentali per eseguire dei riscontri densitometrici, come scala, risoluzione e distanza focale (fattore di sfocatura etc…) mentre nell’articolo di risposta del BIMBUMBAM campeggia una bella immagine psichedelica, o lisergica, che abbiamo imparato a conoscere grazie a Paolo Bertotti.
Non posso visualizzare l’analisi in pptx ma spero che ci sia ben altro per spiegare quello che abbiamo già spiegato. Si tratta di un BLURFO, cioè un volatile (grande o piccolo ci interessa poco) che semplicemente passava di li al momento dello scatto. È chiaro che non lo sapremo mai ma certamente si può abbozzare con molta sicurezza ad una risposta molto più soddisfacente di un “non lo so”.

A proposito
: Muovere il culo per andare sul posto a verificare di persona l’avvistamento, in questo caso, a cosa servirebbe? La quaglia probabilmente sarà sulla tavola imbandita di qualche baita di montagna, accompagnata con polentina e funghi porcini. La foto originale sarebbe stato meglio renderla pubblica, per evitare di essere poi criticati sulla validità delle analisi (analisi che con buona approssimazione si possono eseguire anche sui non-originali). Altrimenti a voi chi vi controlla?
😉

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Il tuo indirizzo ip:
54.224.164.166

Valutazione 3.00 su 5
happy wheels 2 demo

Category:

Blurfo

Tags:

, ,

Commenti via Facebook:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

2 Comments

  • Receptionist BRAZIL Internet Explorer Windows 6 anni ago

    Beh peró il fatto che appare dietro al campanile un po..ma solo un po mi fa riflettere.

      Quota

  • Receptionist:
    Beh peró il fatto che appare dietro al campanile un po..ma solo un po mi fa riflettere.

    Quell’insetto in realtà passa molto velocemente di fronte all’obiettivo, e la camera lenta rivela un frame con l’anomalia prodotta dal sensore.

      Quota