Il DailyMail, noto sito di gossip scientifico, rimbalza una notizia prelevata da un museo inglese, il Torquay Museum, nella quale si parla di una clamorosa scoperta sul sarcofago di una mummia abbandonata all’esterno del museo stesso.

Si tratta di un sarcofago molto raro, tratto da un unico blocco di Cedro e per questo appartenente probabilmente al figlio di qualche membro di una famiglia Reale. Il suo nome è Psamtek.
La scoperta è arrivata dal Dr. Aidan Dodson (esiste veramente, ho già cercato) del Dipartimento di Antropologia e Archeologia dell’Università di Bristol, che sta intraprendendo un progetto a lungo termine per catalogare ogni singolo sarcofago egiziano nei musei di provincia Inglesi e Gallesi.

Quando sono entrato nel Torquay Museo per la prima volta ho capito subito che la bara era qualcosa di davvero speciale, non solo per via di un disegno – di cui vi è probabilmente solo un altro esemplare nel Regno Unito (a Bristol) – ma per la sua qualità eccezionale.

Ricavato 3500 anni fa da un registro unico di legno di cedro, è squisitamente scolpito, intagliato e dipinto. I genitori di questo bambino dovevano essere molto importanti. Forse anche un re e una regina Purtroppo la parte dell’iscrizione che riporta il nome dei suoi genitori è così danneggiata che non possiamo essere certi.

Alcuni anni fa, gli scienziati, hanno scoperto che l’iscrizione del sarcofago era stata rielaborata in un secondo momento probabilmente perchè acquistata da un nuovo proprietario. Infatti, dagli esami svolti allo scanner CT nel 2006 presso il Torbay Hospital, si è scoperto che il bambino aveva solo 3-4 anni al momento della morte, ben 3 in meno di quanto precedentemente ipotizzato, e che avrebbe vissuto circa 2500 anni fa. Il bambino occuperebbe quindi un sarcofago costruito ben 1000 anni prima del suo decesso (per cause ignote).

Ulteriori indagini hanno rivelato inoltre che il sarcofago potrebbe essere stato commissionato da una famiglia reale più di un secolo prima del famoso re “bambino” Tutankhamon.

Il responsabile del museo, Barry Chandler, ha dichiarato:

E ‘una scoperta straordinaria e il sarcofago è il pezzo più visitato della nostra collezione. Nemmeno il British Museum ne ha una simile.
Sia la bara e il suo contenuto sono stati donati al museo nel 1956 da Lady Winaretta Leeds, figlia del magnate delle macchine per cucire Paris Singer.

Ulteriori dettagli sulla mummia li potete trovare sul sito ufficiale del museo.

Su questa notizia fresca fresca hanno già pensato a speculare, gonfiando la notizia (vera) associando il cranio assolutamente normale del bambino a quello di un alieno.
Ma queste fotografie arrivano dal DailyMail. Bisogna essere cauti.

Nessuna delle immagini proposte, a parte la prima raffigurante il sarcofago, sono presenti sul sito del museo o di quello dell’Università di Bristol.
Le foto sono dunque tarocche? Giudicate voi. È possibile eseguire una TAC con lo scarabeo ornamentale lasciato sul petto? A quale scopo? E perchè nella foto ai raggi X la parte della rete che avvolge il cranio sparisce come per magia? E ancora, perchè lo scarabeo è così in basso rispetto all’altra fotografia?
😉

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Il tuo indirizzo ip:
54.224.164.166

Valutazione 3.00 su 5
happy wheels 2 demo

Commenti via Facebook:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

8 Comments

  • Vittorio ITALY Google Chrome Windows 6 anni ago

    Divilinux, da tecnico di radiologia (quale sono) ti posso spiegare tranquillamente un paio di particolari per cui quelle immagini di base potrebbero essere tranquillamente non tarocche, ma di conseguenza non rappresentano alcun alieno ma un essere umano normalissimo. La mia esperienza di 25 anni di lavoro in Radiologia di cui 15 su apparecchiature TAC credo possa essere bastevole come credenziale. Considera inoltre che ho contribuito a fare qualche TAC alle mummie del Museo di Storia Naturale di Trieste (città dove vivo).
    1. E’ normale fare la TAC a mummie senza togliere via scarabei ornamentali (come invece si fa con le varie collanine de pazienti vivi) in quanto spesso tali scarabei sono dei fermagli per le fasciature. Inoltre si evita il più possibile di manomettere questi manufatti, in quanto spostando gli scarabei dalla posizione originaria si possono indurre danni alla mummia stessa a causa della saldatura che si crea con l’ossidazione degli oggetti stessi che potrebbero “strappare” le fasce.
    2. La seconda immagine che hai messo a corredo dell’articolo NON è fatta con la TAC ma con altro apparecchio tipico delle sale operatorie o delle stanze di emergenza ed utilizzato per riduzioni di fratture, controlli in emergenza o durante le operazioni vere e proprie. Perché la rete sparisca al di sopra della testa non posso spiegarlo. Posso presupporre sia una immagine di qualche bambino o adolescente (che sia un bambino o un adolescente lo posso dire viste alcune caratteristiche del cranio e delle ossa che si vedono) portato a qualche pronto soccorso avvolto in qualche sistema di contenimento, anche se nella mia carriera lavorativa di strumenti di contenimento simili non ne ho mai visti.
    Riguardo alla forma del cranio, che si vorrebbe far passare per quella di un alieno, altro non è che una deformazione di tipo proiettivo dovuta al fatto che il paziente aveva la testa in posizione forzata con il mento appoggiato al collo (come se tu stando in piedi ti stessi guardando la punta dei piedi). Un paragone con una radiografia tradizionale la puoi trovare in questa pagina dove si spiega come fare una radiografia similare:
    http://www.aosp.bo.it/rad2/Rad/Notes/bretton.htm
    In questo caso si è inclinata la sorgente dei raggi X, ma se tu tieni la sorgente dei perpendicolare e “forzi” la testa verso il basso centrando anziché la testa sul torace otterrai una immagine come quella incriminata. Tarocco confezionato e servito.

    Se hai ulteriori domande sono a disosizione per ulteriori chiarimenti.

      Quota

  • Vittorio ITALY Google Chrome Windows 6 anni ago

    Post Sciptum: nella pagina del museo da te segnalata si vede una foto laterale della mummia. Da tale foto (che non posso linkare per che il link è disabilitato, anche se potrei tirar fuori l’indirizzo della foto stessa via Firefox 😉 ) si vede chiaramente che la rete si ferma a metà testa. Quindi mettendo assieme ciò che ho scritto con questa immagine posso dirti con tutta tranquillità che:
    1. Confermo che quella non è una immagine TAC ma l’immagine di un apparecchio che abbia quello che in termine tecnico si chiama “Intensificatore di Brillanza”, un apparecchio che permette di fare una radiografia e vederla direttamente su un monitor.
    2. L’immagine radiografica è proprio quella della mummia del bambino
    3. La posizione “forzata” della testa genera una deformazione “proiettiva” della testa stessa, come da schema allegato al precedente commento.

    Caso risolto?

      Quota

  • Ciao Vittorio e grazie per queste preziose informazioni. Non avrei mai sperato che qualcuno che se ne intende di questo argomento (con in più l’esperienza al Museo di Storia Naturale di Trieste direttamente sulle mummie) potesse chiarire alcune mie domande sulle foto in questione.
    Se non ho capito male tu vuoi dire che la foto della mummia sotto quell’apparecchio, che non è una TAC (me lo ricordavo appunto diverso da quello di quando mi sono operato al ginocchio anni fa), può essere vera (vedi mummia fasciata e scarabei), mentre la radiografia vera e propria potrebbe non esserlo.

    Effettivamente, a parte l’effetto dell’angolazione della camera, la foto più dubbiosa sembra essere solo quella della radiografia. A me pare che abbia tutti i denti, se quella parte scura nella bocca sono denti, e a 3-4 anni non sono sicuro che un bambino ne abbia così tanti, ma basta consultare un dentista o un odontotecnico.

    La rete che manca dalla testa è rimasta inspiegabile e ad una seconda analisi mi sembra proprio che quella “cintura” di scarabei sia più in basso, verso l’addome, che non sul torace come si vede dalla foto della falsa TAC.
    Potrebbe essere quindi un abile lavoro di Photoshop, almeno fino a quando non la vedremo su qualche sito ufficiale. Sul sito del museo mi è parso che chiedessero una concessione per visualizzare le fotografie, ma cliccando sul link si apre un’altra pagina del sito. Proverò a mandargli una e-mail.
    Diciamo solo ai contattisti di dormire sogni tranquilli perchè sicuramente quello non è un cranio alieno…:-)

      Quota

  • Vittorio ITALY Mozilla Firefox Windows 6 anni ago

    No, no, forse mi sono espresso male. La foto della mummia sul lettino TAC è corretta, quella è proprio una TAC, tra l’altro di ultima generazione (quelle che hanno più linee di recettori invece di una linea singola). La radiografia probabilmente è pure corretta, solo che, appunto, è una radiografia e NON una TAC. Credo tra l’altro che sia proprio una radiografia della mummia, come ti ho specificato nel secondo post, dato che nella prima foto della mummia nella pagina del museo sembra vedere che quella specie di “rete” finisce proprio a metà testa. Riguardo ai denti ti stupiresti di quanti denti abbiamo anche al di sotto dei 5 anni, semplicemente non sono ancora usciti. Tu pensa che sopra la dentatura da latte ci sono già tutti e 32 i denti completi, solo che devono ancora uscire.
    La furbata (o tentata tale, a questo punto) è stata quella di utilizzare una deformazione da proiezione di raggi X facendola passare per un cranio anomalo da alieno. 😀

      Quota

  • Ora ho capito. Direi che il mistero è risolto. Difatti il DailyMail non accenna minimamente alla storia del cranio alieno, è una storia inventata di sana pianta dal sito specificato nel link. Quindi il DM non avrebbe avuto alcun motivo per taroccare delle immagini o per giocare sulla deformazione della proiezione dei raggi X.

    Solo un piccolo dubbio: come mai non ci sono sul sito del museo e nemmeno su quello del suo scopritore? Le aveva in esclusiva solo il DailyMail?
    Il Museo ancora non mi ha risposto. Attendo con ansia….

      Quota

  • Bene, ho scoperto cose interessanti. Le fotografie sono assolutamente genuine e si possono trovare su facebook. Sotto, i particolari omessi dall’articolo del DailyMail e dello stesso Museo:

    1- Subito sotto lo scarabeo ci sono 4 placche ovvero i 4 figli di Horus che proteggono i suoi organi interni

    2- Questa fotografia è più nitida rispetto a quella inserita dal DM nel proprio articolo.

    3- La mummia non è stata imbragata con una rete per meglio facilitare il trasporto. È una rete ornamentale tipica dell’epoca, come si può notare da questa fotografia ravvicinata.

    4- Tutte le immagini si possono trovare sulla pagina di Facebook ufficiale di Psamtek Boy Mummy.

    5- Per la cronaca le radiografie della mummia sono state eseguite allo Stuart Hospital nel Dicembre 2010 e non al Torbay Hospital nel 2006

      Quota

  • What’s up it’s me, I am also visiting this web page regularly, this web page is
    genuinely fastidious and the viewers are in fact sharing fastidious thoughts.

      Quota

  • Definitely believe that which you said. Your favourite
    justification appeared to be on the internet the easiest thing to consider of.
    I say to you, I definitely get irked while people
    consider worries that they plainly do not understand about.
    You managed to hit the nail upon the top and defined out the entire thing without having side-effects ,
    folks can take a signal. Will probably be
    again to get more. Thanks

      Quota