Mi scuso con alcuni di voi ma, mentre eseguivo delle modifiche al blog, alcuni messaggi in coda di moderazione sono stati accidentalmente cancellati. Potrebbero esserci anche dei problemi indipendenti dalle mie modifiche, quindi il modo migliore per postare un link senza incappare nell’antispam e’ utilizzare i tag html.

C’e’ tuttavia una frangia estremista, simpatizzante per le sciecomiche, che censura a priori i messaggi di coloro che hanno dei dubbi (dei serissimi dubbi) sia sulle sciecomiche che sulla loro apparente sanita’ mentale.

E’ la volta dell’utente noninmedia (riferito a cosa?) che dal suo canale youtube non concede piu’ di una replica al suo video che cerca di confutare quanto spiegato da IlPeyote con tanto di carte nautiche alla mano inviate dal sito MD80.it.
Questi aerei passano ad una quota che gli sciachimisti si ostinano a stimare ad occhio, infischiandosene di tutte quelle che sono le regole del volo strumentale e delle limitazioni particolari che vengono assegnate in aree di traffico aereo intenso.

In aria c’e’ di tutto. Chi vola con il piano di volo e chi vola a vista per pura passione. (e per sapere la quota usa gli strumenti … non la vista).

Dal terrazzino di casa nostra non é proprio possibile capire quello che succede sopra le nostre cocuzze. Ma noninmedia ci prova comunque, rispondendo con un contro-video di un aereo che sorvola Terni (o dove abita lui) ad una quota apparentemente molto bassa:

[youtube width=”400″ height=”300″]http://www.youtube.com/watch?v=Uv8JStgnIM8[/youtube]

Le principali accuse sono:

L’aereo si dirige in direzione ovest/nord-ovest in direzione Perugia perche’ nelle vicinanze non ci sono aeroporti. L’aeroporto di Perugia dista circa 90km da Terni.

  • Prima domanda:
  • Come si fa a dire se questo aereo sta decollando o sta atterrando? Con un piano di volo, visto che si tratta di un aereo commerciale. Le alte velocita’ degli aeromobili ANCHE in fase di decollo o atterraggio rendono 90km come il tragitto che facciamo tutte le mattine per andare a piedi al bar. Quando torno dal Brasile, verso l’Italia, l’aereo comincia a scendere dalle parti di Genova … che dista ben 190km da Milano. Terni, inoltre, non ha aeroporti ma si trova al centro di diverse citta’ che invece lo hanno.

    Il regolamento ENAC 3.1.2, sulle altezze minime, dice che che:

    Ad eccezione dei casi in cui e’ necessario per il decollo e l’atterraggio, o nei casi di permessi accordati con l’enac, gli aeromobili non devono volare al di sopra di aree abitate di citta’ e paesi, su insediamenti o assembramenti di persone all’aperto, a meno di volare ad un altezza tale da consentire, in caso di emergenza, un atterraggio senza porre in pericolo persone o beni al suolo.

    E’ un classico dei non esperti in materia. Questa regola spiega proprio perche’ l’aereo incriminato si trovava a bassa quota (quanto non lo sappiamo). Se l’aeromobile non e’ in crociera o sta atterrando, oppure sta decollando. Quindi e’ soggetto a delle separazioni specifiche (verticali o orizzontali) che prendono i controllori di volo a loro discrezione, riportando tutto a manina sulle famose “strips” scorrevoli (ora sostituite da quelle digitali). Nell’esempio del Peyote si vedono anche dei classici circuiti di attesa a “biscotto” le cui distanze ed angoli di virata sono notevoli (non stiamo sterzando con la macchina!).
    Con una registrazione delle comunicazioni tra i piloti dell’aereo e la torre di controllo, o dai dati riportati da un eventuale radiofaro, potremmo sapere di piu’ sui dettagli del volo. Punto. Stare qui con la Signora Rosa a parlare di regole ENAC, Radiofari, sistemi VASIS o T-VASIS o enti ATS non serve proprio a nulla. Andatelo a dire agli abitanti dei comuni limitrofi alla Malpensa che i velivoli non passano sopra centri abitati.

    Commento di noninmedia su Youtube: Perchè te le vedi accese le luci di segnalazione sulle ali?

    Io sinceramente si. Sarebbe interessante capire cosa sigjnifichino, visto che le luci di navigazione normalmente hanno un significato. Dovrei credere che le hanno spente per non farsi vedere mentre spargono l’alluminio e i sali da bagno come se fossimo al Mercoledi’ delle Ceneri? No, non ci credo.
    Oltretutto non capisco cosa si voglia dimostrare con questo video. L’aereo non rilascia alcuna scia di condensa quindi cosa avrebbe dovuto fare oltre a portare a destinazione i passeggeri? Noninmedia e’ titubante persino sul tipo di aeromobile, se civile o militare, pero’ poi stima quota e rotta “ad occhio”.
    Ma andate a spaccare le noci di cocco con la testa del Peyote!!
    🙂

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

    Il tuo indirizzo ip:
    34.238.192.150

    Valutazione 3.00 su 5
    happy wheels 2 demo

    Category:

    Senza categoria

    Tags:

    , , ,

    Commenti via Facebook:

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    *